La doppia tartare

20120429-171022.jpg
Ecco un antipasto veloce per gli amanti del pesce. Questa doppia tartare l’ho fatta per 2 persone prendendo un pezzetto di tonno da 200 g e un branzino allevato sfilettato. Peso all’acquisto di circa 400 g. Prendete il tonno e, dopo aver tolto le eventuali parti di tessuto connettivo (le strisce bianche, per intenderci). Tagliatelo a strisce e poi a quadretti. Infine, tagliuzzatelo con un coltello affilato. Stesso lavoro con i 2 filetti di branzino. Per arrivare ai filetti, avrete dovuto prima pulirlo completamente dalle lische e dalla pelle. Come fare? Io consiglio sempre di imparare ai video che si trovano su Youtube. E il coltello fa la differenza. Magari, usate un guanto di lattice, che vi aiuterà a non far sgusciare dalle mani il pesce.
Ok, fatto questo, abbiate l’accortezza di tenere le due tartare separate. Conditele con erba cipollina tritata finemente, pomodorini pachino tagliati in 8 parti, una grattugiata di zenzero, una di scorza di lime, olio e sale. Solo alla fine, aggiungete pure il succo di mezzo lime.
Aiutandovi con un piccolo stampino, mettete prima la tartare di tonno e poi quella di branzino.
Completate guarnendo con qualche pezzetto di pomodorino, un paio di fili di erba cipollina e un goccio di olio.
Buona, facile e veloce.
Eccoci alla musica. Qualche anno fa, quando ci fu la nascita di Myspace, mi capitò di entrare in contatto con un duo danese, chiamato Asteroids Galaxy Tour. Poi li persi di vista.di recente ho visto che hanno suonato in alcuni locali italiani e, facendo una piccola ricerca si internet, ho scoperto che sono diventati abbastanza famosi. Vi propongo una delle loro più belle canzoni, “The Sun ain’t sunshine no more”. Che non sia evocativa, però!

L’oro italiano

20120310-024124.jpg

Ok, mi sono detto. Vuoi andare a MasterChef? Tocca fare qualcosa di facile, gustoso e originale. E qui serve anche per riscattarmi dai tonnarelli. Ciò non toglie che domani tornerò all’antico 🙂
Allora, mi sono detto: per cosa è famosa l’Italia? No, non solo per la mafia. Anche per il sole e il mare, oltre alle belle cose da ammirare nei musei (quando li trovate aperti…).
E allora, ho detto, visto l’avvicinarsi anche della primavera, che sole sia!
Perciò, un bel piatto giallo. Giallo come l’oro, appunto. E giallo come il sole, anche. Risotto allo zafferano su biscotto di Parmigiano Reggiano con carciofini e scorza di limone.
La ricetta è semplice. Cominciamo dal biscotto. Tutte le dosi sono per 2 persone.
Biscotto di Parmigiano
Prendete 2 tuorli d’uovo, sbattetelo e aggiungete circa 60 g di Parmigiano Reggiano. Lavoratelo finché diventerà una crema molto liscia e densa. Aiutandovi con un coppapasta (se proprio volete la forma circolare) spalmate sulla carta da forno la crema. Poggiate sulla placca e infornate a 180 gradi. Toglietelo solo quando sarà ben biscottato (circa 15 minuti, mi pare; comunque tenetelo d’occhio).
Carciofini
Prendete 3 carciofi, di quelli piccoli e deliziosi anche crudi. Se siete fortunati e trovate i “violetti di Sant’Erasmo” ancora meglio. Dopo aver tolto le foglie più esterne e tagliata la punta, metteteli tagliati a metà in acqua acidulata con il limone. Come si sa, serve a evitare che anneriscano. I carciofi, ricchi di ferro, si ossidano immediatamente a contatto con l’aria.
Scottateli in una padella in cui avrete fatto soffrigge in un paio di cucchiai di olio di oliva uno spicchio d’aglio. Aggiungete un mestolo di brodo vegetale bollente e coprite. Dopo 10 minuti saranno cotti.
Risotto allo zafferano
Procedimento classico, ma che vale sempre la pena ricordare. Padella con olio. Uno scalogno tritato finemente. Soffriggete piano lo scalogno, finché comincia a sciogliersi. Aggiungere 120|160 g di riso vialone nano (dipende se avete poca o tanta fame). A fuoco medio, tostate il riso. I chicchi si sigillano e non fuoriuscirà l’amido durante la cottura. Aggiungete un mestolo di brodo bollente, fino a coprire abbondantemente il riso. Lasciare andare senza toccare. Nel frattempo, prendete qualche stame (o stima) di zafferano abruzzese, sardo, fate voi. Scioglietelo nel brodo. Quando il riso sarà asciutto, aggiungete il brodo con lo zafferano. Fate lo stesso procedimento per circa 15 minuti, finché il risotto sarà cotto a dente. Aggiungete un pezzetto di burro, fate sciogliere, spegnete e aggiungete una bella manciata di Parmigiano grattugiato. Fate riposare coperto per 5 minuti.
Mettete nel piatto il biscotto. Sopra appoggiate il risotto. Sul risotto posizionate delicatamente 3 metà dei carciofi. Guarnite con qualche filo di scorza di limone e un filo di olio.
Delizioso. Il gusto morbido e rotondo del riso con la nota leggermente amarognola dello zafferano va a sposarsi con l’amaro palco più intenso del carciofo e l’acido del limone. Il biscotto bilancerà con la sua nota grassa e dolce.

Arriviamo alla musica. Un grande vecchio del funk sta per dare alle stampe un nuovo disco. Non avrebbe bisogno di presentazioni, visto che è dal 1960 che è sulla scena. Ma Bobby Womack va ascoltato ancora per quello cheriesce a dare. Anche in una cornice di musica e arrangiamenti moderni, la sua voce si sprigiona calda e avvolgente come quarant’anni fa, appunto. È stato quel demonio di Demon Albarn (fondatore dei Blur e artefice dei Gorillaz) che ha richiamato al lavoro Bobby nei ultimi 2 album dei Gorillaz, «Plastic Beach» e «The Fall». Poi, una intraprendente casa discografica inglese, la XL Recordings, ha messo sotto contratto il grande vecchio, facendogli fare un disco che promette molto bene. Questo il singolo, da poco online: «Please Forgive My Heart».

Bobby Womack – Please Forgive My Heart